Dialogo con gli Antichi

Cosa significa dialogare con un interlocutore antico? In che modo il teatro contemporaneo riempie lo spazio della distanza che ci separa dal quel lontano passato, considerato l’origine del teatro occidentale? Quest’anno il percorso incontra tre tragedie, una per ognuno dei tre tragediografi greci più famosi, riportate alla luce da tre registi contemporanei. Protagonisti del dialogo saranno dunque i personaggi mitici nella loro rilettura tragica, l’esperienza teatrale nella sua forma antica e il dio dell’alterità e della follia che da allora la presiede: Dioniso.


 

TEATRO DELL’OROLOGIO
venerdì 27 novembre 2015 ore 21:30
ANTIGONE
di Sofocle
con Vanessa Scalera, Piergiorgio Bellocchio e Barbara Ronchi
regia Filippo Gili

TEATRO ARGENTINA
sabato 16 gennaio 2016 ore 19:00
ORESTEA
di Eschilo
regia Luca De Fusco
traduzione Monica Centanni
con Mariano Rigillo, Elisabetta Pozzi, Angela Pagano, Gaia Aprea, Claudio Di Palma, Giacinto Palmarini,
Anna Teresa Rossini, Paolo Serra
e con Fabio Cocifoglia, Paolo Cresta, Dely De Maio, Francesca De Nicolais, Gianluca Musiu
Federica Sandrini, Dalal Suleiman, Enzo Turrin
scene Maurizio Balò
costumi Zaira de Vincentiis
musiche Ran Bagno
coreografie Noa Wertheim

TEATRO VASCELLO
venerdì 4 marzo 2016 ore 21:00
DIONYSUS
Il Dio nato due volte
progetto e regia di Daniele Salvo dalle “Baccanti” di Euripide
con Manuela Kustermann, Melania Giglio, Daniele Salvo
musiche Marco Podda
luci Valerio Geroldi

Un commento su “Dialogo con gli Antichi

  1. Pingback: Percorsi di visione 2015-2016 | Casa dello Spettatore

I commenti sono chiusi.